Concetto


Get Adobe Flash player

Sopra: il lavoro effimera e unica di Miguel Chevalier
Background pagina immagine: ascensore dell Hotel Windsor da Ultra Violet

Concetto

Il nostro scopo è quello di accontentarvi e sodisfare le vostre aspettative. Vogliamo anche offrirvi un posto speciale pieno di sorprese.

Ogni anno, l’entrata invita un nuovo artista ad invadere lo spazio con installazioni d’ arte contemporanea.

Il Windsor è sempre lo stesso ma spesso diverso, di buon umore e sempre sorridente.

 

Le camere d’ artista aprono una finestra sul mondo dell’arte contemporaneo : l’uso dei volumi, il gioco delle ombre e dei materiali, umorismo… Ogni camera è una creazione originale, frutto dell’immaginazione dell’artista, che rifletta il suo lavoro. Offre al viaggiatore nuove scoperte.

Le camere con gli affreschi sono più tradizionale e romantiche.

Antoine Baudoin ha tratto la sua ispirazione da famosi o strani posti, personaggi mistici o scene magiche. Questi affreschi evocano spesso terre lontane, prolungano il viaggio con il sogno e portano verso un mondo fantastico.

Alcune camere con un grande poster rendono omaggio a famosi artisti : Robert Indiana, Nicky de Saint Phalle, Martial Raysse… Queste camere aspettano l’intervento di un artista contemporaneo famoso, attentamente scelto per completare la nostra collezione.

Il giardino tropicale offre un momento di poesia tra bamboo, buganvillea e alberi di frutta vicino ad una piccola piscina. Il canto degli uccelli nel giardino mette in valore la musica dell’installazione di Michel Redolfi e si mischia alla magia del posto.

Per finire, il nostro spazio wi zen offre cure per il corpo e il viso per vivere un momento di benessere e per completare la vostra esperienza sensoriale nella nostra casa.

Così, coltivando valori tradizionali di ospitalità e di restaurazione per tante generazioni, il Windsor vuole partecipare al vostro viaggio.

 

 Lasciate che questi momenti abbandonino un dolce segno nella vostra memoria,
Odile Payen-Redolfi
e la squadra dell’albergo WindsoR